• Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon

Nel rispetto della Legge n. 103/2012: il Blog Fuoriporta.info è realizzato unicamente su supporto informatico e diffuso unicamente per via telematica ovvero on line. Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata - Consultabile gratuitamente - Le collaborazioni sono sempre gratuite -  - La responsabilità degli articoli (“post”) e dei video, è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente e legalmente. L’autore di ogni post è dichiarato sotto il titolo dell’articolo.

Ciascun autore si accerterà, prima della pubblicazione del proprio post, della esatta situazione di copyright o copyleft dei materiali che intende inserire, propri o altrui. È responsabilità dell’autore del singolo post accertarsi che non esistano impedimenti di copyright o diritti da assolvere in alcun modo per la pubblicazione del materiale, oppure procurarsi le liberatorie necessarie e inoltrarle alla Redazione.

Proprietario ed editore: Tipografia Lauriola di Lauriola Michele Natale - Corso Umberto, 83 - 71018 Vico del Gargano (Fg) - P. Iva: 02138510710 - contatti: Tel. 0884.991075 - direttore@fuoriporta.info

BATACLAN Voci e musica per ricordare


23 agosto h 21.00 Largo Perrillo

BATACLAN

Voci e musica per ricordare

Con gli Allievi del Conservatorio di Rodi guidati da Rosa Ricciotti e gli Studenti delle scuole di Vico

Antonio Montecalvo flauto Collaborazione musicale di Giorgio Bertinelli

Bataclan è uno spettacolo nato nel 2015 in seguito all’attentato alla discoteca Bataclan di Parigi.

Messo in scena per la prima volta dagli studenti del Conservatorio di Musica di Rovigo, è stato in seguito riproposto più volte, sempre interpretato da giovani che potrebbero essere coetanei delle vittime di quella strage.

Con questo spettacolo non vogliamo alimentare polemiche, colpevolizzare o scaldare animi già tesi dal clima di tensione che caratterizza questo inizio di millennio. Al contrario, pensiamo che sia nostro dovere, attraverso la musica, la poesia, il teatro, tentare di far ascoltare il silenzio che c’è intorno a noi. Può apparire un controsenso ma in realtà non lo è.

Bataclan non vuole solo ricordare chi per un assurdo piano di morte è stato allontanato dalla vita terrena con un gesto che di umano non ha nulla, che dell’uomo non ha le radici.

Bataclan vorrebbe essere una sincera e semplice riflessione dell’uomo su se stesso con l’ausilio della poesia e della musica che diventano la chiave di ingresso per un rapporto più intimo col proprio mondo.

Bataclan é un percorso in cui l’uomo ricerca quei perché che accompagnano e spesso alterano la sua esistenza in modo definitivo, una ricerca di quell’amore e di quella poesia, scippati in modo violento e persi in chissà quale angolo del cuore di un uomo.

Dubbi, sensazioni, rimorsi trasportati dalla musica di un pianoforte parlano con la voce e con gli scritti dei poeti e dei nostri ragazzi e si insinuano lenti e inesorabili nel cervello e nell’anima.


36 visualizzazioni