• Michele Lauriola

«Evviva la Croce, sorgente di Gloria, l’eterna memoria del mio Redentor».


L’idea dello speciale «Settimana Santa a Vico del Gargano» non è certamente una novità, ma è senza dubbio un «dovere» giornalistico, che il nostro Francesco A. P. Saggese ha voluto regalarci con i suoi «appunti» coadiuvato dagli scatti di Pasquale d’Apolito. L’unicità delle sue funzioni e la straordinaria valenza culturale e religiosa dei cori polifonici, i soli in Puglia ad esprimere una passione vivente musicalmente originale e centenaria, hanno contribuito, nel corso degli anni, ad attrarre sempre più fedeli, turisti e visitatori nel nostro amato paese. Abitare vicino una chiesa sede confraternale, durante i giorni di quaresima, ascoltare a sera inoltrata i canti di prova che vibrano nell’aria come brezza marina, che ti avvolge, ti immerge in un’atmosfera unica, quasi onirica, non ha prezzo e ti spinge con ansia ad aspettare che l’antico rito si rinnovi... Encomiabile il progetto di tutela e valorizzazione delle antiche tradizioni promosso quest’anno dall’Amministrazione comunale, con la partecipazione di studiosi, cultori di storia locale, confraternite, parroci e popolazione scolastica, con il chiaro intento di educare e tramandare alle giovani leve, un patrimonio unico di riti, tradizioni, celebrazioni e usanze, vecchie di secoli. Che il solco tracciato sia di buon auspicio e possa consolidare la passione e l’amore dei vichesi per i molteplici valori culturali del passato, attraverso la scuola, tra i luoghi più adatti e consoni alla trasmissione di conoscenze e al ricambio generazionale. Da sempre il Venerdì santo a Vico viene considerato come il vero giorno di festa, una solennità pari alla Pasqua, infatti il Triduo è un’unica celebrazione pasquale, dov’è consuetudine gioire e condividere momenti augurali di rinascita. Può sembrare una contraddizione, un voler ribaltare le celebrazioni, per molti è un controsenso, ma... non è proprio così. Chi pensa che Vico sbagli giorno per festeggiare, provi a dialogare con i Frati Cappuccini e con i propri parroci sul significato profondo della Pasqua. Prova ne è «l’Inno alla Croce» che si canta la sera al rientro della processione, inneggiando a squarciagola la vittoria di Cristo sulla morte. «Evviva la Croce, sorgente di Gloria, l’eterna memoria del mio Redentor».

(foto Vincenzo Di Stefano)

Scarica il giornale in pdf


46 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon

Nel rispetto della Legge n. 103/2012: il Blog Fuoriporta.info è realizzato unicamente su supporto informatico e diffuso unicamente per via telematica ovvero on line. Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata - Consultabile gratuitamente - Le collaborazioni sono sempre gratuite -  - La responsabilità degli articoli (“post”) e dei video, è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente e legalmente. L’autore di ogni post è dichiarato sotto il titolo dell’articolo.

Ciascun autore si accerterà, prima della pubblicazione del proprio post, della esatta situazione di copyright o copyleft dei materiali che intende inserire, propri o altrui. È responsabilità dell’autore del singolo post accertarsi che non esistano impedimenti di copyright o diritti da assolvere in alcun modo per la pubblicazione del materiale, oppure procurarsi le liberatorie necessarie e inoltrarle alla Redazione. - P. Iva: 02138510710