Per l'eliminazione della violenza contro le donne...

LA NARRAZIONE DELLE VIOLENZE SULLE DONNE NELLA SOCIETÀ MASCHILE


Non essere stronzi non basta per essere uomini. Non commettere violenza fisica su una donna è il dovere basico di ogni uomo. Limitare la discussione della violenza sulle donne a quella fisica, confina il dibattito in uno spazio consolatorio per i maschi, che per la stragrande maggioranza non hanno mai alzato le mani, ma oscura tanti interrogativi scomodi che riguardano tutti noi, compreso me.

Bisogna parlare di gender gap, le differenze economiche e sociali tra i sessi e delle relazioni nei luoghi di lavoro. Si deve parlare anche di violenza psicologica, causata da atteggiamenti che addirittura vengono considerati normali, ma invece sono vessatori e molto più diffusi di quello che possiamo credere.

Si deve riflettere anche sulla narrazione delle violenze e del linguaggio che riguarda le donne.

"Amore tossico" "delitto passionale" "raptus di gelosia" sono solo alcuni modi di descrivere i femminicidi che colpevolizzano le vittime (in quanto donne) e giustificano gli aguzzini (in quanto maschi). "Chissà come era vestita" "se l'è cercata" "l'avrà provocato" invece sono i giudizi in caso di stupro, intenti a colpevolizzare la vittima e a minimizzare l'accaduto.

Altri modi di dire ritenuti innocui come "donna con le palle" o peggio "ha le mestruazioni" (per descrivere una donna determinata) sono segnali di una visione maschilista della società. Il linguaggio riflette la cultura del suo popolo. Non siamo tutti delinquenti, ma abbiamo assorbito tutti, uomini e donne, dalla nostra cultura degli aspetti che discriminano la connotazione femminile e privilegiano quella maschile. A questo punto qualcuno potrà obiettare "ma allora non si può dire più niente" "viviamo nella dittatura del politicamente corretto". Se vogliamo evolverci dobbiamo cambiare punti di vista. Fare dei passi avanti verso il progresso non deve essere considerato un vezzo ma un processo alla ricerca di nuovi riferimenti. Non a caso chi si lamenta con tali esternazioni sono persone che hanno già tutto, che non sono coinvolte, che non sono donne. Noi uomini possiamo condannare gli abusi sessisti, ma non li subiamo. Non sappiamo cosa significa per una donna subire il maschilismo. Poi dov'è che non si può più dire niente? Semplicemente avanza insieme al tempo che cambia una nuova sensibilità che vuole far sentire la sua voce. L'unico modo per cambiare davvero le cose è spiegare che certi modi di pensare sono fuori da questo tempo, un tempo che deve tendere all'equità e alla giustizia sociale anche tra i sessi. “Cosa penserà la gente" è la formula emblematica della forma mentis che deve essere rilegato al passato. Non possiamo bloccarci dal giudizio di chi non può capire e non si sforza di farlo. Vale in qualsiasi caso, ancora di più nei casi di violenza sulle donne. Chi le subisce deve cercare aiuto rivolgendosi con fiducia agli amici, istituzioni o associazioni. Non sono le vittime che si devono vergognare. Le persone disposte ad ascoltare e ad offrire protezione sono e saranno sempre di più. Le cose stanno cambiando. Le vittime con la loro testimonianza possono aiutare altre donne a riconoscere la violenza e a trovare la forza per liberarsene. In questo modo sono iniziati tutti i cambiamenti: fregandosene dei giudizi di quella gente radicata ad un tempo superato.


Tommaso Pio Dell'Aquila




42 visualizzazioni0 commenti
  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon

Nel rispetto della Legge n. 103/2012: il Blog Fuoriporta.info è realizzato unicamente su supporto informatico e diffuso unicamente per via telematica ovvero on line. Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata - Consultabile gratuitamente - Le collaborazioni sono sempre gratuite -  - La responsabilità degli articoli (“post”) e dei video, è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente e legalmente. L’autore di ogni post è dichiarato sotto il titolo dell’articolo.

Ciascun autore si accerterà, prima della pubblicazione del proprio post, della esatta situazione di copyright o copyleft dei materiali che intende inserire, propri o altrui. È responsabilità dell’autore del singolo post accertarsi che non esistano impedimenti di copyright o diritti da assolvere in alcun modo per la pubblicazione del materiale, oppure procurarsi le liberatorie necessarie e inoltrarle alla Redazione. - P. Iva: 02138510710