Sand Valandjn

Nel giorno più importante per i vichesi, ospitiamo una filastrocca dedicata al Santo Patrono.

La maestra Maria Rosaria Vera, innamorata del suo paese e del dialetto, ci propone in chiave artistica la storia in versi di San Valentino.


Sand Valandjn

('U Sand Patrun dj Vic e d'j iardjn)

f i l a s t r o c c a

"Sand Valandjn,

arrjcugghj e mitt 'nzin,

arrjcugghj 'i rancjtedd,

e mjttl 'nzin a 'u Bbammjnedd".


Accuscì cj candav 'u temb dj prim,

'stu 'bbell tavett ch furniv ch'a rim!

'I femmjn andich cj l'han 'nzjgnat,

e nuj guagnun l'am sembr candat.


'J manjzzol d'u Bbammjnedd

tenjn strend 'i rancjtedd,

'nzin a 'u rjcon li vo'tjnè,

'nderr accuscì njn hana cadè.


C'u Sand, tramend 'i jend dj Vic,

ca tanda cos li von dic,

Sand Valandjn và bjnjdjcenn:

"n'annata 'bbon pj vuij sta' mjnenn".


So' 'u Sand Patrun dj 'sta terra grascjus,

amur e prijezz vj port 'ndr'i cas,

tjnjtl a 'mmend, njn vj nj scurdat,

crisij dj grazij ij sembr v'è dat!


Quann a fjbbraj pj më cj fa' fest,

facjtla 'bbell sj pur vj cost,

sj for fa' 'a niv e addonch fa' fridd,

appress a' prucjssiun c'iava sta 'a fodd.


M vogghj prijà c'u son d'a 'bbann,

battarij e foch njn pon mancà,

nucedd, castagn, mennjl e tjrrun,

hana fa' prijezz a tutt'i guagnun.


Addubbat dj ranc, scanz guaj e malann,

dindr'i jardin pon fà tanda dann.

'I jardjnjr, 'bbon hana 'ndjs,

tramendn fiss, 'u dit me tis.


A 'i 'nnammurat vogghj da' 'nu cunzigghj:

"crijat 'na 'bbon e sanda famigghj,

'ndr'u cor hava crescj 'n amur auer,

'u 'bben, 'a fjducja havan' jess sjncer".


S'i mal pjnzjr vuljt scanzà,

'ndr'u Vicol del Bacio jatv a vascjà.

Jè cosa gradjt sj m mjnit a truà,

e 'i fatt vostr m vulit accundà.


Vj facc c'u cor prumessa sulenn:

"salut e prijezz d'u cil vj mann,

'a grascia 'a 'i jardin dj ranc e chmun,

dj coff e canistr p' tutt'a staggiun".


San Valentino

(Il Santo Patrono di Vico e dei giardini)

f i l a s t r o c c a

San Valentino,

raccogli e metti in grembo,

raccogli le arancine,

e mettile in grembo al Bambinello.


Così si cantava nel tempo passato,

questo bel sonetto che finiva in rima!

Le nostre antenate ce lo hanno insegnato

e noi ragazzi lo abbiam sempre cantato.


Le manine del Bambinello

tengono strette le arancine,

in grembo al riparo le vuol tenere,

così che a terra non dovranno cadere.


Con il Santo, ammira la gente di Vico,

che tante cose gli vogliono dire,

San Valentino va benedicendo:

"un'annata ricca per voi si presenta".


Sono il Santo Patrono di questa terra generosa,

amore e allegria vi porto nelle case,

ricordatelo bene, non lo dimenticate,

molte grazie io sempre vi ho dato!


Quando a febbraio per me si fa festa,

fatela bella, pure se vi costa,

se fuori c'è neve e quindi fa freddo,

dietro la processione dev'esserci folla.


Vorrò rallegrarmi col suon della banda,

batteria e fuochi non possono mancare,

noci, castagne, mandorle e torrone,

devono fare la gioia dei ragazzi.


Addobbato di arance allontano guai e mali,

nei giardini possono arrecare danni.

I giardinieri, hanno ben inteso,

guardano fissi il mio dito teso.


Agli innamorati vo' dare un consiglio:

"create una buona e santa famiglia,

nel cuore cresca un amore autentico,

il bene e la fiducia devon'esser sinceri".


Se cattivi pensieri volete evitare,

nel Vicolo del Bacio andate a baciarvi.

E' cosa gradita se verrete a trovarmi,

e i vostri problemi volete raccontarmi.


Vi faccio col cuore promessa solenne:

"salute e allegria dal cielo vi mando,

abbondanza ai giardini di arance e limoni,

in cesti e canestri per tutta la stagione".




103 visualizzazioni0 commenti