I funghi  del  Gargano


Le piogge d'estate meglio delle schegge di guerra l'acqua fa bene alla terra e fa crescere i funghi in altopiano I funghi del Gargano In pianura dai cardi Cardoncelli prelibati fatti alla brace viva con olio, aglio, prezzemolo, pomodoro, sale e una spolverata di pecorino. I chiodini fatti trifolati: due minuti di cottura con olio, sale e aglio alla fine foglie di prezzemolo tritate. I gallinacci: aglio, olio, sale, pomodorini, si cuociono in fretta e il tutto condire gli spaghetti. I porcini in tutti i modi, meglio però col risotto e una spruzzatina di cognac di salotto.

Il cercatore di funghi

Chi alla folla e alla calura/ama: il silenzio della natura,/ la verde piantagione,/l’umida stagione e la pioggia,/ che in terra si stagna/ e quando lenta bagna/il castagno e la radice/fa il suo cuor felice./Come una starna invigorita/s’arrampica in salita,/al passo graduale/s’allontana il cinghiale/e senza crear subbuglio/fruga tra i cespugli,/tra il folto fogliame,/tra il secco legname./ Il respiro trattiene a lungo/nell’avvistare il fungo, s’accerta che non vi sia altro sguardo/per coglierlo con vero garbo,/ come fosse un piccino/lo adagia nel cestino. Cammina e ne fa scorta/fino a colmar la gobba sporta;/ poi con lo zainetto sulle spalle/orgoglioso ritorna a valle.


66 visualizzazioni0 commenti