Cervelli in fuga? Mamma Italia non ci abbandonare

Secondo i dati ‘Istat’, in questi ultimi 10 anni duecentocinquantamila italiani hanno lasciato La Patria. La fuga emigrativa ha causato una perdita tale da portare il Paese a diventare il secondo più anziano al mondo e il primo d’Europa e ha provocato ben 16 miliardi di euro di danno con il conseguente calo dell’ 1% del Pil (Il Sole 24 Ore).

Per ogni diplomato che fugge lo Stato perde 90.000 euro e la cifra aumenta se ad andarsene è un/a laureato/a o un/a ricercatore/ice accademico.

Dove si trova il governo in queste situazioni? Quando cancella nomi dal registro nazionale, cosa pensa? Perché non trattiene questa forza sul territorio nazionale? Com’è possibile pensare che è più facile partire?

Queste sono le domande di un Italiano fuggito all’estero.

Io, Leonardo Binetti (Scienziato e Ingegniere dei Materiali), sono uno di questi 250.000 ragazzi. Risiedo a Edimburgo (Regno Unito) dal 2015, dove sin da subito mi è stata offerta la possibilità di dimostrare chi fossi.

Lavoro come Docente Associato all’Università della stessa città e insegno Ingegneria dei Materiali alle classi della Specialistica e Matematica alla triennale; inoltre sto approfondendo la ricerca nel campo delle fibre ottiche, con l’obbiettivo di ridurre lo spreco dei materiali utilizzati nel settore della Biomedica.

Grazie a pubblicazioni scientifiche, progetti internazionali e premi scientifici mi sento di dire che sto contribuendo al progresso scientifico britannico. Ma nel “mio interiore” non provo pura soddisfazione poichè sento di non dare all’Italia ciò che merita ma.. voglio lottare affinché le cose cambino!

Sebbene sia lontano, ho compiuto un primo passettino verso “Mamma Italia” partendo dalla mia piccola comunità foggiana: ho voluto dedicarLe la vittoria del mio ultimo premio scientifico e ho voluto farlo attraverso un’intervista al ‘Fuori…traccia’, che non ha lasciato indifferenze. In molti, commossi, mi hanno contattato e io non posso che ringraziare per la forza che mi hanno trasmesso e per le porte che mi stanno aprendo. Alcune scuole Secondarie mi stanno dando l’opportunità di procedere, organizzando ‘lectio magistralis’ per affrontare le tematiche della ‘fuga dei cervelli’ e delle ‘risorse umane’.

Il mio obiettivo è agire per strati e vorrei farlo partendo dalla scuola: dobbiamo scongiurare l’emigrazione. Gli Italiani non devono partire, lasciando un vuoto permanente. Gli Italiani devono partire per avere la spinta per tornare! A questo fine, l’Italia dovrebbe migliorare e mantenere un solido rapporto con i propri emigrati. È cosi facendo che le “risorse” nate nel paese e maturate all’estero potranno contribuire ad una crescita dell’Italia stessa.

Detto questo, vorrei concludere con una breve riflessione.. Io sono sicuro che, se tutti questi cervelli potessero avere una possibilità in Italia, l’Italia stessa potrebbe divenire il paese migliore al mondo!

Leonardo Binetti



110 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti