top of page

La Polizia Stradale incontra cento alunni del Liceo “Roncalli-Fermi-Rotundi-Euclide”

Si tratta di una serie di interessanti incontri che l’Istituto Scolastico “Roncalli-Fermi-Rotundi-Euclide” di Manfredonia ha chiesto al Questore di Foggia, eventi ben coordinati dal dott. Matteo Taronna, Comandante della Polizia stradale di Vieste. 

“Noi giovani patentati - ha commentato l’alunno Michele Santoro – non siamo pienamente consapevoli che l’auto può essere all’improvviso una macchina pericolosa per sé stessi e per gli altri. Dall’ incontro ho capito ancora meglio l’importanza della cintura di sicurezza e del casco ben allacciato per la moto”.

L’educazione stradale è una delle priorità su cui la scuola lavora per promuovere tra i giovani la cultura della sicurezza in strada.

“Si tratta di educare gli alunni a una cittadinanza consapevole -sottolinea il prof. Domenico Facciorusso- finalizzata all’interiorizzazione di valori che portano a  assumere forme di convivenza responsabili e costruttive”.

Il riferimento è al muoversi in sicurezza, a piedi, in bicicletta, in motorino, in auto, rispettando il contesto ambientale. Buona parte degli incidenti, infatti, si verifica per imprudenza o per ignoranza riguardo le regole stradali.

Nel primo interessante incontro sono intervenuti oltre al Comandante Taronna anche il Vice Ispettore Lanave Gaetano e il  Sovrintendente Capo Bruno  Sergio.

“Avere la Polizia stradale a scuola -sostiene il referente progettuale prof. Facciorusso- è importante per pervenire non solo le sanzioni ma soprattutto gli incidenti”.

Il percorso scolastico prevede altri incontri inerenti il bere consapevole e l’uso di droghe che mettono a rischiò la vita propria e altrui. La capacità espressiva del Comandante

Taronna e l’esperienza dei suoi colleghi, rendono costruttivo  l’incontro con i giovani neo patentati che seguono con vivo interesse.

L’uso dell' alcol alla guida, secondo il Ministero della salute, è purtroppo la prima causa di morte per i giovani. Tutto ciò avvalora la scelta del  parlarne anche a scuola.



24 visualizzazioni0 commenti
bottom of page