top of page

Una nuova stagione per una rinnovata speranza di crescita

Nella classifica delle «cose più fastidiose», oltre ai tempi biblici di attesa per un esame clinico di media complessità, è sicuramente annoverabile tra i primi posti «la lentezza» della burocrazia e l’atavico «squillo» del telefono a cui nessuno risponde.

Ho provato ad ascoltare le giustificazioni e le motivazioni ma sinceramente non mi hanno convinto.

L’estate vichese è alle porte e il programma delle manifestazioni si preannuncia ricco di grandi nomi dello spettacolo, del teatro e della musica.

Speriamo che la nostra cittadina, come da tradizione, dimostri i suoi modi e il suo garbo nell’accoglienza e nella ricettività, iniziando magari dalle strade e dalle piazze percorribili.

Capitolo a parte i parcheggi, ma avremo modo di parlarne.

In questi giorni non si fa altro che «vantarsi» di voli, di aeroporto e di sanità.

Volevo ricordare ai «portatori sani di successi», che già negli anni 2000 a Foggia si volava e un certo «ospedale di comunità» era già funzionante a Vico del Gargano.

Di solito si gioisce per ciò che si inaugura...

Una volta i piccoli paesi si alimentavano di pane e pallone e molti dei nostri ragazzi erano «distratti» dai campi di terra e di sabbia con magliette sudate su terreni sparsi in tutta la provincia.

Oggi l’attività più praticata è il «calciophone». Lunghissime gare sul divano o sulla poltrona di casa che vede protagonisti due solo atleti.

La lista delle attività svolte con il telefonino potrebbe allungarsi ma non è necessario ricordarvele. Ormai è di dominio pubblico.

Trascorriamo ore e ore con il nostro insostituibile amico, confidente, alleato, complice e collaboratore fedele ed abbiamo stravolto il nostro modo di vivere, di pensare, di intervenire, di socializzare, di lavorare.

Una volta esisteva «l’opinione pubblica» che caratterizzava e poneva argomenti di discussione e di confronto.

Esistevano i partiti politici, luogo di riunione, di programmazione, di condivisione e talvolta di scontri.

Esisteva una vera rappresentanza, fatta da uomini schierati che partecipavano in modo costante e impegnato ad attività culturali e politiche.

Oggi, purtroppo, tutto o quasi, è stato demandato alla forza dirompente della rete e dei social, dove tantissimi confondono il verbo essere o avere con gli (h)anni che passano...




maggio 2022definitvomedia
.pdf
Download PDF • 9.58MB


238 visualizzazioni0 commenti
bottom of page