Abbiamo spalancato le porte della Chiesa...


Carissimi, la raccolta promossa dalla nostra Comunità parrocchiale per la raccolta di beni di prima necessità a favore delle popolazioni del Centro Italia colpite dai terribili eventi sismici di questi giorni ha permesso di riempire ben due furgoni con 226 pacchi appena giunti a destinazione. Questa esperienza ci ha insegnato com’è possibile cambiare il corso ordinario delle cose. Per noi è stato come bussare a una porta dove non c’era nessuna attesa sull’uscio, ma solo “entra e dimmi”. E’ stato come dire andiamo a riprenderci tutta l’umanità che il tempo, le circostanze, le assenze, i giudizi, ci stanno lentamente portando via, un colpo dietro l’altro. E quasi inaspettatamente l’umanità, quel dovere messo all’angolo di noi stessi, ha preso le sembianze di un perché, di un dove, di un quando, di un come; si è trasformato in un esercito di mani che si muovevano in un reparto di un supermercato, che trascinavano carrelli della spesa, che portavano qui e lì, senza fare domande. Abbiamo spalancato le porte della Chiesa, e quel vostro sentimento si è raccolto come una preghiera ai piedi di un altare, dove altre mani hanno preparato e imballato scatole. In quelle scatole non avete riposto solo beni di prima necessità, ma anche il vostro amore, e voglio ringraziarvi per questo uno a uno, tutti i vichesi che hanno risposto e tutta la gente che anche dagli altri paesi si è fatta sentire, nonché tutti i gruppi, le associazioni, le scuole. In queste ore i mass media di tutto il mondo ci stanno raccontando di un nuovo, incerto, corso globale delle cose del mondo che aprirà inediti scenari economici e sociali; ma io credo che questa pagina di storia parrocchiale, seppur piccola, breve, semplice, veloce, racconti al tempo stesso e al mondo intero il miglior servizio che si possa rendere all’uomo, a quello che c’è, a quello senza volto, a quello che non si conosce, a quel sorriso che sarà strappato alla durezza dei giorni, a quelle manine piccole che cresceranno, a quella vita che si muove in grembo, all’uomo che verrà, alle donne e agli uomini migliori che noi diventeremo, perché riceveremo più di quanto abbiamo dato. Così il finale di questa storia di parrocchia non finisce riposta in quei furgoni o lì dove arriveranno, ma andrà oltre, molto più lontano, dentro e fuori di noi, al di là di quello che noi stessi immaginiamo.

Il Parroco e la Comunità dei SS. Apostoli Pietro e Paolo


0 visualizzazioni
  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon

Nel rispetto della Legge n. 103/2012: il Blog Fuoriporta.info è realizzato unicamente su supporto informatico e diffuso unicamente per via telematica ovvero on line. Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata - Consultabile gratuitamente - Le collaborazioni sono sempre gratuite -  - La responsabilità degli articoli (“post”) e dei video, è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente e legalmente. L’autore di ogni post è dichiarato sotto il titolo dell’articolo.

Ciascun autore si accerterà, prima della pubblicazione del proprio post, della esatta situazione di copyright o copyleft dei materiali che intende inserire, propri o altrui. È responsabilità dell’autore del singolo post accertarsi che non esistano impedimenti di copyright o diritti da assolvere in alcun modo per la pubblicazione del materiale, oppure procurarsi le liberatorie necessarie e inoltrarle alla Redazione. - P. Iva: 02138510710