Che fine hanno fatto i campi ormeggio, all’interno dell’Area Marina Protetta Isole Tremiti?

Che fine hanno fatto i campi ormeggio, all’interno dell’Area Marina Protetta Isole Tremiti?


La domanda nasce spontanea al sindaco del Comune di Isole Tremiti, Antonio Fentini e ai tanti fruitori del servizio.

«Sono preoccupato e a dir poco sorpreso, commenta il sindaco, per la lentezza e la superficialità dell’Ente Parco Nazionale del Gargano, nell’affrontare e risolvere uno degli aspetti più importanti legati alla tutela dell’Area Marina Protetta e la necessità di dare regole agli operatori del turismo nautico, mettendo in sicurezza gli ormeggi».

Ricordiamo che il Comune di Isole Tremiti ed il Parco Nazionale del Gargano, nella sua qualità di ente gestore dell’Area Marina Protetta Isole Tremiti, hanno sottoscritto in data 01.06.2017 un protocollo d’intesa per l’affidamento della gestione dei campi ormeggio realizzati dall’AMP.

Il Comune di Isole Tremiti ha, conformemente a quanto sottoscritto, attivato per tempo l’organizzazione del campo boe.

Negli anni successivi, invece, è stato gestito direttamente dal Parco Nazionale del Gargano, purtroppo sempre con notevoli disagi.

Il Campo d’ormeggio è costituito da idonee strutture destinate all’ormeggio delle unità navali, gavitelli conici contraddistinti dal colore giallo, per la sosta all’interno dell’AMP e da sessantanove gavitelli conici destinati esclusivamente alle unità di supporto dei centri di immersione autorizzati dall’AMP durante lo svolgimento delle immersioni subacquee e delle visite guidate subacquee.

«Anche quest’anno, conclude Fentini, il Parco è in netto ritardo. L’emergenza sanitaria ha già messo a dura prova le attività imprenditoriali e turistiche che non possono tollerare ritardi dovuti alla negligenza della burocrazia e di chi ha il dovere di ottemperare agli impegni istituzionali. Mi batterò, dichiara il sindaco, perché si giunga a immediata soluzione. Non ci sono scuse, sia perché sono state impegnate somme consistenti e spese per montare e smontare i corpi morti ed effettuarne la manutenzione, sia perché sono mesi che ho sollecitato il Parco per attivarsi ed individuare il gestore dell’impianto. Ad oggi purtroppo ancora non ricevo risposte se non un «stiamo provvedendo». Ma l’estate è adesso, a Natale il campo boe servirà a poco».



48 visualizzazioni
  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon

Nel rispetto della Legge n. 103/2012: il Blog Fuoriporta.info è realizzato unicamente su supporto informatico e diffuso unicamente per via telematica ovvero on line. Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata - Consultabile gratuitamente - Le collaborazioni sono sempre gratuite -  - La responsabilità degli articoli (“post”) e dei video, è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente e legalmente. L’autore di ogni post è dichiarato sotto il titolo dell’articolo.

Ciascun autore si accerterà, prima della pubblicazione del proprio post, della esatta situazione di copyright o copyleft dei materiali che intende inserire, propri o altrui. È responsabilità dell’autore del singolo post accertarsi che non esistano impedimenti di copyright o diritti da assolvere in alcun modo per la pubblicazione del materiale, oppure procurarsi le liberatorie necessarie e inoltrarle alla Redazione. - P. Iva: 02138510710