Lettera al Direttore. Quale progetto di sviluppo del Gargano?

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del sig. Philippe Royer dal titolo: "Quale progetto di sviluppo del Gargano?".

Gentile Direttore,

mi chiamo Philippe Royer.

Sono belga e professore di francese e filosofia in pensione. Il mio primo contatto con il Gargano fu in marzo 2000, 20 anni fa. Un colpo di fulmine! Sono 12 anni che vivo felice a Vico del Gargano quasi tutto l’anno. Pago l’IMU, i rifiuti e provo ad integrarmi con la popolazione parlando l’italiano e vivendo come loro. Durante questa pandemia sono rimasto a Vico perché ho capito che qui ero più protetto e i fatti mi hanno dato ragione aggiungo che io amo questo paese!

Per caso a febbraio, poi giugno e luglio su internet ho letto gli articoli che parlano del progetto di completamento della superstrada che taglierà il Parco nazionale del Gargano da Vico a Vieste – Mattinata. Questa notizia sorprendente mi ha motivato nel desiderio urgente urgente di dire la mia opinione sperando di alimentare il dibattito futuro.

Ho viaggiato tanto durante la mia vita: “Bolivia, Cile, Vietnam, Grecia, Spagna, Canada ecc”. Questa esperienze ha sviluppato il desiderio di comunicare, di capire le culture e ha sensibilizzato il mio sguardo al rispetto della natura troppo spesso ignorata (ECOCIDE). La natura, per l’uomo, è senza diritti, senza parole! L’uomo per interessi economici passa il suo tempo a distruggerla senza vergogna. Oggi la natura si ribella e provoca tanti danni. La natura è un bene comune di tutti, è patrimonio dell’umanità! Ogni persona, al suo livello, detiene un frammento di responsabilità per la generazione attuale e futura. Un gesto fatto qui ha ripercussione globale. Quale società e quale valori vogliamo costruire e trasmettere? Oggi per necessità urgente (riscaldamento globale) abbiamo l’obbligo di inventare un nuovo mondo. Questo stato d’emergenza è un’opportunità incredibile!

Inventare un nuovo mondo, un’altra realtà più bella! Un progetto a livello planetario!

Un progetto che interessa tutta l’umanità che renda i popoli felici di vivere.

So, per esperienza, che l’interesse politico può cercare ad accarezzare la pelle del popolo. L’impegno dei bravi politici, prova a sviluppare il paese creando posti di lavoro e pensando al benessere della popolazione e al suo futuro.

Alcuni dicono che costruire una superstrada è inventare un nuovo mondo, che la velocità stradale deve essere al servizio dello sviluppo (Costi! Benefici?). Tanti esperti internazionali del clima affermano oggi che concepire lo sviluppo economico con il concetto della velocità è obsoleto, sbagliato e che dobbiamo riconsiderare il ritmo della nostra società e della nostra vita. La velocità stradale! È questo il progresso, la novità? Quale progresso! Quale sviluppo! La modernità per il Parco, santuario protetto dal 1991: 854 milioni di euro di cemento armato, sedici gallerie, undici viadotti per un percorso totale di 50 chilometri, 17 milioni di euro per chilometro. Ecosistema distrutto, ulivi secolari e macchia mediterranea abbattuta, paesaggi protetti trasformati… per due mesi di attività turistica, due mesi d’inferno che Peschici e Vieste vivono ogni estate.

Il Gargano non può diventare Ibiza, Myconos, Torre Molinos o la Costa Brava. Dopo uno sviluppo turistico straordinario gli spagnoli ne hanno abbastanza del turismo di massa in estate diventando essi stranieri nel loro paese!

Non è questo il modo di pensare lo sviluppo del Gargano! Questi politici non hanno ancora capito bene l’emergenza della situazione climatica, l’estate al sud con 45° gradi di temperatura.

Oggi, la vera modernità è dire no a questo sviluppo frenetico e alle conseguenze disastrose che comporta: tempeste, grandinate e alluvioni.

Vero progresso potrebbe essere promuovere:

1) Lotta contro l’inquinamento.

2) Promozione energie alternative e rinnovabili.

3) Diminuzione del traffico privato.

4) Sviluppo della mobilità sostenibile.

5) Lotta alla velocità stradale, parcheggi fuori dai centri urbani.

6) Promozione di un turismo verde, lento e sostenibile.

7) Educazione al rispetto della natura.

8) Formazione professionale all’accoglienza turistica.

In molti paesi del mondo si cerca di diminuire la velocità sulle strade.

I garganici ed anche io abbiamo la fortuna di vivere all’interno di un Paradiso, una delle regioni più belle del mondo!

Dobbiamo viaggiare fuori per capire questo privilegio. Abbiamo anche il dovere di difendere e proteggere il nostro luogo di vita, patrimonio ancora preservato, intatto da trasmettere alle generazioni future.

Entrare nel Parco nazionale del Gargano è come entrare all’interno di una bellissima cattedrale! Si entra con silenzioso rispetto, attenzione, sensibilità, tempo da dedicare, lentezza, curiosità, emozione, appetito culturale, cercando di scoprire ogni angolo, ogni meraviglia visibile o nascosta respirandone felice ogni profumo…

Non si può entrare in questo edificio a 130 – 150 km orari con una superstrada.

Dicono che la superstrada farà sviluppare l’economia locale. Argomentazione falsa. Vieste e Peschici insieme hanno una popolazione di 18.347 abitanti e totalizzano più di 2.500.000 (ufficiali) di presenze turistiche all’anno (2019. Questo turismo di massa crea lavoro per gli abitanti giusto e legittimo. Però questo lavoro dura soltanto pochi mesi e a fine estate è tutto chiuso.

Il Gargano non ha la vocazione e neanche la capacità di accogliere milioni di turisti in più e di assorbire questo “choc”. Il turismo di massa non ha la libertà di venire fuori stagione. L’organizzazione del lavoro impedisce questa possibilità! Tutti insieme solo d’estate!

Il Gargano ha bisogno anche di un turismo di qualità , a dimensione umana che possa godere del Parco in ogni periodo dell’anno e non solo durante la frenetica estate, un turismo rispettoso della natura che creerà lavoro.

La responsabilità dei politici del posto è di creare una strategia capace di attirare questa clientela italiana e straniera e trattenerla. Questo è un bel progetto, una bella sfida. Siamo lontani dal cemento armato e dalle code sulle strade.

Affermo che la costruzione di questa superstrada va a nascondere, fa dimenticare i veri problemi del promontorio e la loro gestione efficace come:

1) La sanità.

2) La depurazione delle acque.

3) La siccità.

4) L’acqua potabile per tutti.

5) Le falde acquifere.

6) I pozzi abusivi.

7) Le case abusive da demolire.

8) L’isolamento delle case.

9) Costruzioni antisismiche.

10) La buona manutenzione stradale.

11) Pulizia dei canali.

12) Gestione dei rifiuti.

13) Qualità dell’acqua di balneazione.

Il Gargano già verde, merita una vera rivoluzione verde, un progetto ambizioso di sviluppo sostenibile che va a creare tanti posti di lavoro.

Il covid 19 ha messo l’economia mondiale inginocchio. Il Pil dell’Italia meno 13%? Dobbiamo “approfittare” di questo disastro per rilanciare l’economia: dimenticare le vecchie ricette del passato (per esempio come distruggere la natura per creare lavoro effimero), privilegiare le innovazioni e le tecnologie del futuro, aiutare le iniziative individuali e collettive, cambiare il nostro modo di spostarsi e consumare.

Il principio per il Gargano è semplice: gestire con intelligenza la bellezza del posto, proteggerla come un tesoro e sviluppare l’attività economica intorno al patrimonio umano e culturale eccezionale con una pubblicità moderna ed efficace che tocca un turismo sensibile all’emergenza climatica e futura. L’Italia ha bisogno di un forte stato strategico. La Puglia deve essere capace di dare questo impulso di sviluppo sostenibile. Questo impegno politico sarà l’anima di questo territorio garganico ancora autentico. Per quanto tempo? L’obbiettivo dei politici è di fare di questo promontorio un modello di economia verde, un esempio a livello internazionale e provare che esiste un’alternativa credibile ad uno sviluppo irresponsabile. Credo che Bruxelles è pronta ad aiutare questo sogno accessibile e un certo turismo aspetta questa opportunità per manifestare il suo appoggio fuori stagione. Sarà una bellissima pubblicità! Sarebbe bellissimo avere la bandiera blu per tutta la costa garganica.

Philippe Royer

(Uno straniero che ama l’Italia verde!)




249 visualizzazioni
  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon

Nel rispetto della Legge n. 103/2012: il Blog Fuoriporta.info è realizzato unicamente su supporto informatico e diffuso unicamente per via telematica ovvero on line. Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata - Consultabile gratuitamente - Le collaborazioni sono sempre gratuite -  - La responsabilità degli articoli (“post”) e dei video, è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente e legalmente. L’autore di ogni post è dichiarato sotto il titolo dell’articolo.

Ciascun autore si accerterà, prima della pubblicazione del proprio post, della esatta situazione di copyright o copyleft dei materiali che intende inserire, propri o altrui. È responsabilità dell’autore del singolo post accertarsi che non esistano impedimenti di copyright o diritti da assolvere in alcun modo per la pubblicazione del materiale, oppure procurarsi le liberatorie necessarie e inoltrarle alla Redazione. - P. Iva: 02138510710