top of page

Contro la violenza sulle donne...

La nuova campagna di comunicazione della Coop. Sociale “Il Filo di Arianna”

Fa tappa a Vico del Gargano la nuova campagna di comunicazione contro la violenza sulle donne ideata e realizzata dalla Cooperativa Il Filo di Arianna che gestisce il servizio di Centro Antiviolenza dell’Ambito Territoriale “La montagna del sole”. La campagna è stata realizzata con la supervisione della docente di Etica della Comunicazione dell’Accademia di Brera, prof.ssa Cristina Muccioli, con il prezioso coinvolgimento della prof.ssa Donata Lazzarini, che dirige la Scuola di Scultura dell’Accademia di Brera, e con il contributo della Regione Puglia, Assessorato al Welfare.

La campagna si compone di sei opere fotografiche realizzate da tre giovani artiste, laureate all’Accademia di Brera. Ginevra Peirano, Marta Brambilla e Lucia Mascheroni hanno interpretato, in un intenso diario visivo, l’intromissione, la sopraffazione, le lacrime e la ri-cognizione corporea delle donne vittime di violenza, scandagliando i sentimenti e le emozioni. Si tratta di opere che scaturiscono da un’immersione ideale nel mondo della violenza di genere e che la rappresentano in un accurato percorso di studio che esplora i temi dell’intimità e delle dinamiche relazionali. Le opere selezionate, analizzate attentamente creando così un percorso fotografico sulla violenza, sono diventate strumento di sensibilizzazione attraverso l’allestimento di una mostra itinerante.

L’hashtag utilizzato è #senzapaura.

Per la campagna di comunicazione sono state realizzate 30.000 post card per ogni opera fotografica sul cui retro sono riportati sia il numero nazionale 1522 che l’utenza telefonica attiva h24 340.7685267 utilizzata dal Centro Antiviolenza.

Sono stati realizzati, inoltre, 9.000 segnalibro da distribuire negli istituti scolastici in cui si svolgono le attività di informazione e sensibilizzazione sul tema della violenza di genere.

“La mostra fa tappa a Vico del Gargano, in occasione delle celebrazioni per San Valentino, perché riteniamo che sul tema della violenza di genere si debba riflettere ogni giorno anche, se non soprattutto, nei momenti di festa. Spesso si parla di amore malato

ma se è vero amore non può né essere malato né far male, ha affermato il Sindaco Michele Sementino. È proprio perché celebriamo l’amore che, con questa mostra intendiamo lanciare un messaggio a tutti: il rispetto deve essere alla base di ogni relazione e la violenza non deve più trovare spazio nelle nostre case”

“Per la nostra Cooperativa è un momento davvero importante, ha affermato la Presidente Barbara Rosaria Patetta. Il nostro obiettivo è di riuscire a coinvolgere in questo processo culturale tutte le comunità nelle quali operiamo, radicando ancor di più la nostra relazione con i territori. Questo lavoro è stato possibile grazie al contributo dell’Assessorato al Welfare della Regione Puglia che ha valutato positivamente le nostre progettualità e che sentiamo sempre vicino nei nostri percorsi di sostegno alle donne vittime di violenza”.



37 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page