INCUBO: IL SOLE IGNORA IL NOSTRO DRAMMA

Scorgo un sole che mi parla

di mare, di verde, di colline...

Il suo colore

impregnato come un cuore si fa largo

tra disegni di nuvole che al mio guardare corteggiano ogni luce.

Abbagliante come un pensiero

e fugace come il repentino scendere lascia perplesso il mio piacere

che di solito sa allietare nel respiro.

Ne sono rimasta priva, nella realtà

di una gabbia chiusa,

in giorni mai supposi nel passato.

All'improvviso, ammaliata da un tramonto che aiuta il morale

mi confondo

in un silenzio che è “Musica”


46 visualizzazioni0 commenti