...aspettando san Valentino

Donatio ut intus ex Protocollo Not[arius] Alexander de Pascharellis –Apud Not[arius] Claudium de Ambrosio[i]


La Donatio della statua reliquiario di San Valentino prete e martire, e della reliquia, magnanimo gesto di munificenza del marchese Troiano Spinelli sposo di Maria Maria Caracciolo, che gli aveva portato in dote la Terra di Vico, fu rogata dal Notaio Alessandro Pascarellis il 14 febbraio 1618.

Il documento ci giunge attraverso una copia, costituita da 4 fogli non numerati proveniente da quelli depositati presso il notaio Claudio de Ambrosio ( un secolo dopo la stesura della Donatio). A margine del foglio 4 sulla parte inferiore in orizzonate si legge Donatio ut intus ex Protocollo Not[arius] Alexander de Pascharellis –Apud Not[arius] Claudium de Ambrosio, manca di qualsiasi riferimento, che menziona il rogito al quale la copia era allegata.

Il testo è redatto in lingua volgare con richiami di formule e glosse in latino e trattandosi di una copia, contiene numerosi etc. con i quali sono omesse le periodi ritenuti non essenziali.

In queste pagine si vuole offrire al lettore la trascrizione integrale della Donatio avvetendo che, il documento presenta lacune dovute allo stato di conservazione come lacerazioni o macchie.

Va comunque richiamata l’attenzione su alcuni punti salienti, come la volontà dei soggetti giuridici: il donatario il Sig. Marchese (del quale non compare il nome) l’Università di Vico rappresentata dal Sindaco e dagli Eletti, il Capitolo della Chiesa Madre al completo. Nel corpo del documento è riportata integralmente la lettera dell’Arcivescovo Annibale Serughi de Ginnasio, nella quale esprime le felicitazioni per questa favorevole scelta, invitando il popolo ad innamorarsi e a venerare solennemente San Valentino


Copia

Die decimaquarta Mensis Februarii prima Indict. 1618 in Matrice Ecclesia Terrae Vici etc.

Constituti in nostri praesentia Bartholomaeus Dattilus Sindicus, Bernardinus de Sapia, Alexander taralli, Iulius de Masella, et Andreas de Petruccio quatuor Electi ad regimen pro presenti anno Universitatis dictae Terrae agentes ad infrascripta omnia nomine, et pro parte dictae Universitatis, pro qua promiserunt de rato, vigore cujusdam Litterae Ill.mi, et R.mi Annibalis Gymnasii Aechiepiscopi Sipontini, talis est Litterae a tergo,

“Alli Molto Magnifici Sig.ri

Ho sentito molto contento della grazia, che ha fatta il Sig. Marchese a codesta Università di così gran Reliquia, ed anno molta ragione di pogliar la protezione di così gran Santo; ed acciò il Popolo tutto s’innanimi maggiormente alla venerazione d’esso, mi contento che detta Reliquia si porti con ogni maggior sollennità processionalmente, e si celebri la sua festività, nella quale dovranno pregare per la salute di detto Sig. Marchese, e mia ancora: e così faranno intendere al clero di costì, che l’esponga in pubblico stante la fede, che S.E. fa, che questa è la vera Reliquia di san valentino, e Dio N.S. li feliciti.

Manfredonia li X Febbraro 1618

D.V.S. Molto Magnifico Affermatissimo a lor piacere

A. Ginnasio Arcivescovo Sipontino etc.”

Seque, se ipsos Sindacum, et Electos nominibus quibus supra, velle donare donationis titulo irrevocabiliter inter vivos Capitulo, et Clero Matyricis Ecclesiae dictae Terrae, et pro eo stipulantibus D. Bartholomaeo Masella Archipresbytero dictae Matricis Ecclesiae, D. Francisco de Statio, D. Iulio Valentino, D. Cataldo de Basile, D. Scipione Dattilo, D. Valerio de Buccio, D. Francisco de Stefanis, D. Angelo Dattilo, D. Iulio Lucibello, D. Petro de Sapia, D. Francisco de Pirro, D. Francisco Ciccarello, D. Tiberio dell’Armi, /f.2 D. Vincentio de Nicolao Francisco, D. Tiberio Caesare de Pascarellis, D. Ioanne Francisco Narduccio, D. Thoma de Masella, D. Nicolao de Bisantia, D. Nicolao Sapia, D. Horatio de Bisantia, Diacono Prospero de Ciocchis majorem partem Presbyterorum dicti Capituli, et Cleri, et pro eodem etc. quandam Statuam Sancti Valentini Prete, con la sua Reliquia insigne dentro, cum infrascripti pactis videlicet Vonno detti Sindaco, ed Eletti pigliare per Protettore Santo Valentino Prete per di tutto il Popolo, acciò maggiormente s’inciti a divozione, ed a pregare Iddio, che per mezzo dell’intercessione de’ Santi li sia propizio in tutt’i suoi bisogni, e nel giorno della sua festività ognanno sollennizarla a spese d’essa Università, e che detta statua s’abbia da conservare in perpetuo in detta Madrice Chiesa in un luogo commodo per detti Sindaco, ed Eletti eligendo, e custodire con tre chiavi, delle quali una ne abbia da conservare il Sindaco, (rottura) [pro] tempore sarà dell’Università predetta, un'altra il Marchese di Vico, o altra persona secolare per esso, e suoi successori eligenda, e la terza per un Prete di detto capitolo, e Clero, similmente ad elezione di detto Marchese, e suoi Eredi, e successori: altrimenti non osservandosi nel modo predetto, sia sempre lecito ripigliarsi il detto Marchese detta Statua, e donarla ad altra Chiesa, o disporne d’altro modo, come gli parerà. Et e contra li sopradetti Preti nominibus quibus supra, promettomo osservar ad unguem[ii] tutte le condizioni predette et non aliter etc. Et facta assertione[iii] praedicta, praedicti Sindicus, et Electi nominibus quibus supra volentes ordinationem, deliberationem, et dispositionem praedictas adimplere, dictamque donationem perficere, et realiter ad effectum ducere, moti considerationibus, et causis praedictis etc. et quia sic sibi ipsis etc. nominibus quibus supra, placuit, et placet,/f.3 Sponte hodie praedicto die coram nobis non vi, dolo etc., et omni meliori via etc. ex hunc libere et gratiose donant donationis titulo irrevocabiliter inter vivos, et ex causa merae, et purae donationis praedictae per fustem jure proprio, et in perpetuum dederunt etc. cesserunt et renunciarunt etc. dicto Capitulo, et Clero, ac supradictis Presbyteris nominibus quibus supra praesentibus supradictam Statuam S. Valentini Prete con la sua Reliquia insigne dentro etc. Itaque ex nunc in antea, et in perpetuum dicta statua ut supra donata cum juribus, et cum conditione, et pactis supradictis superius expressis, et non tutte aliter etc. ex praesentis donationis causa transeat in pleno dominio etc. dicti Capituli etc. ad habendum etc. cedentes etc. omne jus etc. ponentes etc. et constituentes etc. quoniam etc. et constituerunt se ipsos etc. nominibus quibus supra etc. per simplex Constitutum etc. tenere etc. volentes etc. lege, jure, usus etc. et promiserunt, et convenerunt praedicti Sindicus, et Electi nominibus quibus supra sollemni stipulatione etc. dictis Presbyteris nominibus quibus supra praesentibus etc. donationem, et cessionem praedictas etc. ac omnia praedicta etc. semper etc. habere etc. ratas etc. ac rata etc. eaque attendere etc. dictamque donationem non renovare etc. ingratitudinis vitio, nec jure, causa, et modo quocumque, et ubi forte in posterum continget dictam donationem et quavis causa revocari, voluerunt ex nunc revocationem ipsam haberi pro non facta, et toties donant, cedunt, et renunciant eo modo quo supra, quoties forte dictam donationem revocaverint, vel ei contravenerint, renunciantes expresse cum juramento coram nobis [alla] leg[e] si umquam Cod. De Revoc[andis donationis], et Leg[e] de Insin[uatione] donat[ionis][iv], et ipsi Insin[uatione]. Pro quibus omnibus observandis ambae partes ipsae, et quaelibet ipsarum, prout ad unamquamque ipsarum partium spectat etc. expresse obbligant se ipsas, et quamlibet ipsarum, nominibus quibus supra, ac earum, et ei juslibet ipsarum, nominibus quibus supra, successores, et Bona /f.4 omnia mobilia, et stabilia, praesentia, et futura etc. una pars alteri nominibus quibus supra etc. praesentibus, sub poena, et ad poenam unciarum auri vigintiquinque etc. medietate etc. cum potestate capiendi etc. constitutione praecarii etc. renunciaverunt etc. et juraverunt e contra dicti Presbyteri nominibus quibus supra juraverunt in pectore, more Clericorum etc.

Presentibus

Iudice Regio ad Contractus Francisco Pisano, Blasio Marinella, Hieronymo de Fino, Ioanne Azzarone, Nicolao Zurlo, Ioanne zaffarana, et Vitrione Giardino Terrae Vici.


Una nota particolare, posta tra le tante clausole e continui richiami contenuti nella Donatio, è collocata nelle righe finali: una condizione onerosa alteri nominibus quibus supra etc. praesentibus, sub poena, et ad poenam unciarum auri vigintiquinque etc., le omissioni e la lacuna del testo non ci permettono di conoscere a carico di chi era questa eventuale pena pecuniaria di 25 once d’oro.

Il mezzobusto di san Valentino (fig.1), preziosa opera d’arte di epoca rinascimentale, custodisce le reliquie del Santo Patrono di Vico del Gargano e recentemente è stato restaurato a cura della dott.ssa Maria Elena Lozupone, su iniziativa di don Gabriele Giordano, con il generoso contributo della Fondazione dei Monti Riuniti di Foggia.


Nicola Parisi

[i] La trascrizione della Donatio è stata eseguita sulla copia digitalizzata gentilmente messa a disposizione dall’amico Domenico Lombardi, al quale devo infinita riconoscenza per la possibilità di consultare i documenti conservati nel suo archivio privato. Grazie all’amico Francesco Sepe, di Roma, per la preziosa supervisione nella trascrizione delle fonti archivistiche. [ii] Alla perfezione [iii] Dichiarazione. [iv] Cfr. Paul Wilhelm Schmidt, Dissertatio iuridica de Insinuatione donationis quingentos solidos excedentis, coram iudice incompetente haud suscipienda, Iena 1761, p. 5.



Foto Nicola Pio de Felice

130 visualizzazioni0 commenti