L’albero di Natale

L’albero di Natale è di pino e si allestisce accanto al Presepe di Gesù Bambino

Antonio Monte da Varazze


La giornata primaverile ha reso lo spirito giovanile e ha messo a mio aggio l'avvistar del paesaggio. Giù il mare che bacia l'insenatura, in alto di bianco veste l'altura. Mancano tanto i bacini dei miei nipotini a causa del nemico invisibile che è ancora invincibile. IO RESTO NELL'ORTO, impugno la zappa dal manico corto, fiducioso e sereno preparo il terreno per il prossimo raccolto; anche se qualcuno, data l'età, mi prende per stolto. Per essere ai miei bimbi più vicino ho inventato e scritto la favola di Pino. Immergerli nel mondo dell'ingenuità è salutare alla crescita della giovane età, soprattutto in questo periodo di negatività necessitano di dolcezza e serenità. Le favole, per la lieta fine misteriosa sistemano ogni cosa.


Nel castello governato da un regnante/affetto da un male incurante/dimorava un poverello/che ogni giorno usciva dal castello/per procurare una radice al signore/ ed alleviarlo dal malore/in cambio di alcuni avanzi/scarti dei succulenti pranzi/. Il poveretto prima di Natale/fu colpito da un brutto male/la moglie e due bambini/restarono a digiuno poverini/. Giuseppino che aveva sei anni/volendo risolvere gli affanni//il giorno prima della Festa/si recò nella foresta/nonostante il tanto impegno/trovò soltanto legna/. Le giornate d’inverno son corte e traditrici/e il bimbo stanco non trovò le radici/ sotto un albero si accasciò il bambino/ e mise la legna raccolta per cuscino/. Quella notte vi fu la nevicata/e l’albero dal carico si è inclinato/i rami crearono il vuoto come un cassonetto/tenendo al riparo il poveretto/. Per il freddo della nottata/la neve diventò ghiacciata/sull’albero si formarono pezzi di cristallo/come fossero sfere di metallo/. L’alba con il suo splendore/lo irradiò di un gran bagliore/. Dai suoi rami illuminati/gli animali furono attirati/costoro sono privi di ragione/ma il loro istinto comprende ogni situazione/coscienti che quel bagliore/fosse un segno del Signore/. Ognuno sotto l’albero porta/ciò che aveva come scorta/: lo scoiattolo le noccioline/la radice il cinghialino/il miele l’orsacchiotto/la cicogna il bergamotto/. Poi da lontano il gran vociare/tutti: Pino, Pino a gridare/era la gente in cammino/alla ricerca del bambino/anche la popolazione/grazie a quello splendore/ritrovò il bimbo asciutto e arzillo/scattante come un grillo/che stava mettendo i doni nel cestello/da portare a suo fratello/e la radice medicante/da portare al regnante/. E’ così che accanto al Presepe di Gesù Bambino/si affianca l’albero illuminato di pino/e non si mangia carne per devozione/alla Natività e alla Redenzione/. Il perché di tanto rigore/giacché gli animali sono alleati del Signore/.




66 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon

Nel rispetto della Legge n. 103/2012: il Blog Fuoriporta.info è realizzato unicamente su supporto informatico e diffuso unicamente per via telematica ovvero on line. Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata - Consultabile gratuitamente - Le collaborazioni sono sempre gratuite -  - La responsabilità degli articoli (“post”) e dei video, è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente e legalmente. L’autore di ogni post è dichiarato sotto il titolo dell’articolo.

Ciascun autore si accerterà, prima della pubblicazione del proprio post, della esatta situazione di copyright o copyleft dei materiali che intende inserire, propri o altrui. È responsabilità dell’autore del singolo post accertarsi che non esistano impedimenti di copyright o diritti da assolvere in alcun modo per la pubblicazione del materiale, oppure procurarsi le liberatorie necessarie e inoltrarle alla Redazione. - P. Iva: 02138510710